Sonny Rollins | The Sound of Sonny

the sound of sonny

Registrato in tre diverse sessione nel giugno del 1957, The Sound of Sonny è il primo album del sassofonista Sonny Rollins per l’etichetta Riverside. E comincia proprio con l’esordio con questa etichetta una nuova fase nella carriera musicale di Rollins. A partire da questo disco, infatti, il sassofonista produce alcuni degli album che hanno definito il suo spirito pionieristico, testimoni di alcune delle sue migliori performance (sul sito AllMusic si legge che proprio nel 1957 Rollins venne insignito dalla rivista Down Beat come il vincitore della categoria “New Star” tra i sassofonisti tenore).

Tutta la sua ritrovata libertà, e la voglia di innovare il proprio repertorio, è palese in The Sound of Sonny, dove i suoi assolo raggiungono il picco massimo in quanto a brillantezza melodica e dove il musicista inizia a sperimentare con i propri sideman, tanto da alternare i vari pezzi del cast all’opera a seconda delle esigenze. Ecco perché accanto a lui ritroviamo Sonny Clark al piano, tranne su due tracce, Percy Heath al contrabbasso, sostituito su tre pezzi da Paul Chambers, e Roy Haynes alla batteria.
Il brano più noto è proprio quello che apre l’album, lo standard The Last Time I Saw Paris, mentre il più sorprendente (il momento clou del disco) è It Could Happen to You, breve spaccato da tre minuti e quaranta secondi dove a riecheggiare sono solo le note nostalgiche del sax di Rollins. Da sottolineare inoltre la bella versione della Ev’ry Time We Say Goodbye di Cole Porter e le due uniche composizioni di Rollins, Cutie e Funky Hotel Blues (quest’ultima presente come bonus track solo nella versione in CD).

sonny rollins

The Sound of Sonny è un album vitale e brillante, fondamentale per comprendere la varietà musicale che comincerà in questi anni ad affiorare tra una nota e l’altra del meraviglioso e personalissimo stile bop di Rollins.

Tracklist:
Le tracce 5, 6 e 8 sono state registrate l’11 giugno, la 2, 3, 7 e 9 il 12 giugno e la 1, 4 e 10 il 19 giugno del 1957.

  1. The Last Time I Saw Paris (O. Hammerstein II, J. Kern) – 2:58
  2. Just in Time (B. Comden, A. Green, J. Styne) – 3:59
  3. Toot, Toot, Tootsie, Goodbye (E. Erdman, T. F. Rito, G. Kahn, R. A. King) – 4:25
  4. What Is There to Say? (V. Duke, E.Y. “Yip” Harburg) – 4:56
  5. Dearly Beloved (J. Kern, J. Mercer) – 3:05
  6. Ev’ry Time We Say Goodbye (C. Porter) – 3:23
  7. Cutie (S. Rollins) – 5:54
  8. It Could Happen to You (J. Burke, J. Van Heusen) – 3:47
  9. Mangos (D. Libby, S. Wayne) – 5:34
    Bonus track nella versione in CD:
  10. Funky Hotel Blues (S. Rollins) – 6:00

Musicisti:

  • Sonny Rollins – Sax tenore
  • Sonny Clark – Piano (tracce 2-7 & 9)
  • Percy Heath – Contrabbasso (tracce 2-3 & 5-7)
  • Paul Chambers – Contrabbasso (tracks 1, 4 & 10)
  • Roy Haynes – Batteria (tracce 1-7 & 9-10)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...