Ahmad Jamal | Ahmad’s Blues

ahmad's blues

Ahmad’s Blues raccoglie i brani registrati dal trio del pianista Ahmad Jamal nella notte del 6 settembre del 1958 durante una performance live allo Spotlite Club di Washington, con Israel Crosby al contrabbasso e Vernel Fournier alla batteria. Questo CD, pubblicato dalla GRP Records nel 1994, presenta in scaletta ben 16 brani (originariamente rilasciati come parte di un portfolio più esteso), splendidi rappresentanti dell’unicità e della brillante interazione di questo memorabile ensemble.

Con una grande attenzione alle dinamiche e all’uso degli spazi, il trio di Jamal è qui all’apice della propria potenza musicale come testimoniano alcuni dei pezzi in scaletta (su tutti vanno citati It Could Happen To You, Stompin’ at the Savoy, Squatly Roo, A Gal in Calico e Let’s Fall In Love).
L’approccio influente e distintivo di Jamal come pianista, compositore e arrangiatore, p
osseduto dal suo tipico fraseggio minimale, brilla qui di luce propria in un lavoro che, come da titolo, è saldamente radicato nel blues e fa sfoggio di toni pacati ma anche dei virtuosismi esplorativi di Crosby e Fournier (particolarmente degne di nota le loro pennellate sulle note intricate dello standard Autumn Leaves).

ahmad_jamal

Il disco porta con sé idee nuove, come accade in diversi album del pianista, permettendo a chi ascolta di intercettare il meglio di questo sofisticato e innovativo musicista.

Tracklist:

  1. Ahmad’s Blues – 4:05
  2. It Could Happen To You (J. Burke, J. Van Heusen) – 4:15
  3. I Wish I Knew (M. Gordon, H. Warren) – 3:45
  4. Autumn Leaves (J. Kosma, J. Mercer, J. Prévert) – 7:40
  5. Stompin’ at The Savoy (B. Goodman, A. Razaf, E. Sampson, C. Webb) – 4:15
  6. Cheek to Cheek (I. Berlin) – 4:47
  7. The Girl Next Door (R. Blane, H. Martin) – 3:26
  8. Secret Love (S. Fain, P. F. Webster) – 3:51
  9. Squatty Roo (J. Hodges) – 2:18
  10. Taboo (M. Lecuona, B. Russell) – 4:01
  11. Autumn in New York (V. Duke) – 3:18
  12. A Gal in Calico (L. Robin, A. Schwartz) – 4:44
  13. That’s All (A. Brandt, B. Haymes, C. Otis, K. Owens) – 2:38
  14. Should I? (N. Herb Brown, A. Freed) – 3:39
  15. Seleritus (A. Jamal) – 3:12
  16. Let’s Fall In Love (H. Arlen, T, Koehler) – 5:06

Musicisti:

  • Ahmad Jamal – Piano
  • Israel Crosby – Contrabbasso
  • Vernel Fournier – Batteria

Annunci

[VIDEO] Ahmad Jamal Trio & Ben Webster Quintet | Jazz from Studio 61 (1959)

Questo speciale TV, dai tempi d’oro del jazz televisivo, è stato registrato il 2 aprile 1959 presso lo Studio 61 della CBS di New York. Il trio di Ahmad Jamal e il quintetto di Ben Webster si alternano su un meraviglioso set di quattro brani (due a testa): Darn That Dream, Аhmad’s Blues (da 05:37), Chelsea Bridge (da 09:24), C-Jam Blues aka Duke’s Place (da 13:25).

Ahmad Jamal Trio:

  • Ahmad Jamal – Piano
  • Israel Crosby – Contrabbasso
  • Vernel Fournier – Batteria

Ben Webster Quintet:

  • Ben Webster – Sax tenore
  • Buck Clayton – Tromba
  • Hank Jones – Piano
  • Vic Dickenson – Trombone
  • George Duvivier – Contrabbasso
  • Jo Jones – Batteria

Ahmad Jamal | Jamal at the Penthouse

jamal at the penthouse

Jamal at the Penthouse è un album del pianista jazz Ahmad Jamal registrato nella doppia sessione del 22 e 28 febbraio 1959 e pubblicato dalla Argo Records nello stesso anno. A differenza degli altri lavori di Jamal, questo disco mette in scena il suo trio classico (con Israel Crosby al contrabbasso e Vernel Fournier alla batteria) accompagnato però da una sezione d’archi da 15 elementi guidata dal direttore d’orchestra Joe Kennedy.

Staccandosi quindi dall’impostazione dei suoi album precedenti, Jamal at the Penthouse rappresenta un cambio di passo notevole per Jamal e i suoi sideman che qui arricchiscono l’intero repertorio (9 brani in tutto di cui 2 originali composti dello stesso pianista) con interpretazioni brillanti e dall’interessante varietà.

Sul sito JazzItalia, Alceste Ayroldi scrive:

Al di là della bellezza estetica del disco, va sottolineata l’importanza storica di questo eccellente lavoro nell’evoluzione del trio jazz “per eccellenza”. La complementarietà degli strumenti quasi in conflitto, in continua tensione, sobriamente sofisticati nei tasti di Jamal, attento ai valori ritmici ed allo svolgimento armonico, rendono il trio del pianista di Pittsburgh un monito per le generazioni successive.

Ahmad Jamal | Vernel Fournier | Israel Crosby

Tracklist:

  1. Comme Ci, Comme Ça (B. Coquatrix, P. Dudan, A. & J. W. Kramer) – 2:12
  2. Ivy (H. Carmichael) – 3:59
  3. Never Never Land (B. Comden, A. Green, J. Styne) – 3:09
  4. Tangerine (V. Schertzinger, J. Mercer) – 2:43
  5. Ahmad’s Blues (A. Jamal) – 4:22
  6. Seleritus (A. Jamal) – 3:02
  7. I Like to Recognize the Tune (R. Rodgers, L. Hart) – 1:43
  8. I’m Alone With You (B. Estes) – 3:11
  9. Sophisticated Gentleman (J. Kennedy) – 4:13

Musicisti:

  • Ahmad Jamal – Piano
  • Israel Crosby – Contrabbasso
  • Vernel Fournier – Batteria
  • Joe Kennedy – Conduzione orchestra, Arrangiamenti

Ahmad Jamal Trio | Complete Live at the Pershing Lounge 1958

complete live at the pershing lounge 1958

Il 16 e 17 gennaio del 1958, il pianista Ahmad Jamal, il contrabbassista Israel Crosby e il batterista Vernell Fournier condivisero il loro elegante e intimo estro musicale con il pubblico dell’Hotel Pershing di Chicago, allora storica istituzione per quanto riguardava il jazz suonato, situato sulla 64th East Street, a ovest di Grove Avenue. Quasi mezzo secolo più tardi, la Gambit Records rimasterizza in digitale e ristampa tutti i 19 brani.

pershing_hotel

Dalla descrizione dell’album sul sito CD Universe:

Ahmad Jamal trasforma ogni melodia orecchiabile in un rituale d’improvvisazione, condotto con precisione e brillante disinvoltura. Cosa che accade soprattutto in un ambiente controllato come uno studio di registrazione. Ma quando Jamal si esibisce in pubblico, quella magia non fa che diventare ancora più grande. Chi ama il jazz o vuole capirlo in modo più profondo, dovrebbe davvero fare uno sforzo e ascoltare questa musica suonata dal vivo, con il respiro del pubblico in sottofondo.

I brani dell’album originale sono stati accuratamente selezionati dallo stesso pianista (e corrispondono esattamente ai primi 8 in CD). Due anni dopo, visto il successo del disco, sono stati aggiunti undici brani (da 9 a 19), anche questi selezionati sotto la supervisione attenta di Jamal. La versione CD raccoglie quindi tutto il materiale disponibile di quella esibizione, più una bonus track rara (una seconda versione del brano Poinciana).

Tracklist:

  1. But Not For Me (G. Gershwin, I. Gershwin) – 3:33
  2. The Surrey with the Fringe on Top (O. Hammerstein II, R. Rodgers) – 2:35
  3. Moonlight in Vermont (K. Sussdorf) – 3:09
  4. Music! Music! Music! (Put Another Nickel) – 2:56
  5. There Is No Greater Love (I. Jones, M. Symes) – 3:26
  6. Poinciana – 8:07
  7. Woody ‘N You (D. Gillespie) – 3:40
  8. What’s New? – 4:10
  9. Too Late Now – 2:32
  10. All the Things You Are (O. Hammerstein II, J. Kern) – 3:12
  11. Cherokee (R. Nobel) – 3:43
  12. It Might as Well Be Spring (O. Hammerstein II, R. Rodgers) – 3:27
  13. I’ll Remember April (G. DePaul, P. Johnston, D. Raye) – 2:41
  14. My Funny Valentine (L. Hart, R. Rodgers) – 3:29
  15. Gone with the Wind (D. Grubel) – 3:24
  16. Billy Boy (Traditional) – 3:00
  17. It’s You or No One (S. Cahn, J. Styne) – 3:34
  18. They Can’t Take That Away from Me (G. Gershwin, I. Gershwin) – 4:45
  19. Poor Butterfly – 3:38
  20. Poinciana – 3:04

Musicisti:

  • Ahmad Jamal – Piano
  • Israel Crosby – Contrabbasso
  • Vernel Fournier – Batteria