Ike Quebec | The Complete Blue Note 45 Sessions

Subito dopo il suo ritorno alla musica, dopo un decennio fuori dalle scene, il sassofonista Ike Quebec registrò in modo frequente per la Blue Note, più o meno dal 1952 al 1962, producendo alcuni album completi (tra questi vanno sicuramente citati Heavy Soul, Easy Living e il bellissimo Blue & Sentimental) e anche quattro sessioni che andarono ad arricchire i vinili da 45 giri destinati al mercato dei jukebox.
Questo doppio album pubblicato nel 2005 dalla Blue Note con il titolo The Complete Blue Note 45 Sessions, raccoglie appunto tutte queste ultime sessioni e una serie di brani inediti per un totale di 26 pezzi.

La maggior di questi brani ha un taglio che varia dai quattro ai sette minuti, arricchiti da dichiarazioni melodiche e da tempi prettamente soul jazz. In quel suo ultimo periodo (Quebec scomparve nel 1963), il sassofonista registrò costantemente in una forma smagliante, tanto da consentirgli di mettere a segno quelli che a oggi sono considerati i suoi più grandi lavori. In questo caso incise con un cast particolarmente interessante e vario tra cui spiccavano i chitarristi Skeeter Best e Willie Jones o gli organisti Edwin Swanston, Sir Charles Thompson e Earl Van Dyke.

Ed è prroprio insieme a loro che registra alcune delle sue migliori performance di quel periodo. E’ il caso di sottolineare, nella tracklist di questo ricco repertorio, i due brani che aprono il doppio album, A Light Reprive e Buzzard Lope (entrambe composizioni del band leader), così come la nostalgica e ovattata Blue Monday, il meraviglioso monologo solista dello stesso Quebec all’inizio di If I Could Be with You o le belle reinterpretazioni di alcuni classici (presenti principalmente sul disco 2).

La varietà di stili e tempi, rende questo doppio album ricco di musica divertente e ritmata o lenta e nostalgica, ma sempre estremamente piacevole. Tra queste, come già detto, alcune delle cose più interessanti mai registrate da Quebec.

TRACKLIST:

CD 1
I brani dall’1 all’8 sono stati registrati il 1° luglio del 1959, quelli dal 9 al 13 il 25 settembre del 1960.

  1. A Light Reprieve (I. Quebec) – 4:36
  2. Buzzard Lope (I. Quebec) – 6:15
  3. Blue Monday (B. Sharp, C. Singleton, M. Fisher) – 5:03
  4. Zonky (E. Swanston) – 4:33
  5. Later for the Rock (I. Quebec) – 4:35
  6. Sweet and Lovely (G. Arnheim, J. LeMare, H. Tobias) – 4:16
  7. Dear John (I. Quebec) – 6:51
  8. Blue Friday (E. Swanston) – 5:02
  9. Everything Happens to Me (M. Dennis, T. Adair) – 4:30
  10. Mardi Gras (I. Quebec) – 6:12
  11. What a Difference a Day Makes (M. Grever, S. Adams) – 4:06
  12. For All We Know (J. F. Coots, S. Lewis) – 4:10
  13. Ill Wind (H. Arlen, T. Koehler) – 6:13

CD 2
I brani dall’1 al 4 sono stati registrati il 25 settembre del 1960, dal 5 all’8 il 5 febbraio e dal 9 al 13 il 13 febbraio del 1962.

  1. If I Could Be with You (H. Creamer, J. Price Johnson) – 6:02
  2. I’ve Got the World on a String (H. Arlen, T. Koehler) – 5:32
  3. Me ‘N’ Mabe (I. Quebec) – 5:10
  4. Everything Happens to Me (M. Dennis, T. Adair) – 6:36
  5. All of Me (G. Marks, S. Simons) – 2:56
  6. Intermezzo (H. Provost, R. Henning) – 3:43
  7. But Not for Me (G. Gershwin, I. Gershwin) – 3:42
  8. All the Way (J. Van Heusen, S. Cahn) – 3:53
  9. How Long Has This Been Going On (G. Gershwin, I. Gershwin) – 5:57
  10. With a Song in My Heart (R. Rodgers, L. Hart) – 3:54
  11. Imagination (J. Van Heusen, J. Burke) – 5:06
  12. What Is There to Say (E. Y. “Yip” Harburg, V. Duke) – 4:32
  13. There Is No Greater Love (I. Jones, M. Symes) – 4:45

MUSICISTI:

CD 1

  • Ike Quebec – Sax tenore
  • Edwin Swanston – Organo (tracce #1-8)
  • Sir Charles Thompson – Organo (tracce #9-13)
  • Skeeter Best – Chitarra (tracce #1-8)
  • Sonny Wellesley – Contrabbasso (tracce #1-8)
  • Milt Hinton – Contrabbasso (tracce #9-13)
  • Les Jenkins – Batteria (tracce #1-8)
  • J.C. Heard – Batteria (tracce #9-13)

CD 2

  • Ike Quebec – Sax tenore
  • Sir Charles Thompson – Organo (tracce #1-4)
  • Earl Van Dyke – Organo (tracce #5-13)
  • Willie Jones – Chitarra (tracce #5-13)
  • Milt Hinton – Contrabbasso (tracce #1-4)
  • Sam Jones – Contrabbasso (tracce #9-13)
  • J.C. Heard – Batteria (tracce #1-4)
  • Wilbert Hogan – Batteria (tracce #5-13)

 

Lou Donaldson | The Natural Soul

Registrato il 9 maggio del 1962, e pubblicato dalla Blue Note nello stesso anno, The Natural Soul è la seconda sessione che il sassofonista Lou Donaldson registrò in quintetto e in combo d’organo. Ad affiancarlo sul palco, formando un interessante quintetto, ci sono Tommy Turrentine alla tromba e il trio ufficiale del chitarrista Grant Green, con Big John Patton all’organo e Ben Dixon alla batteria (trio con organo tra i più diffusi di quel periodo che, a differenza di quello di Jimmy Smith, offriva un R&B meno virtuoso e più orecchiabile).

Il disco trova un Donaldson interessato a scavare in profondità tra le sfumature soul jazz, mettendo a punto una serie di registrazioni liriche dalle venature funky e con meno riferimenti hard bop di quanti ci si possa aspettare, dove lui e Turrentine suonano in modo rilassato, mentre il trio di Green tiene alti i toni anche grazie ad alcuni originali assolo individuali.
Le composizioni originali in scaletta, che formano la parte più saporita dell’album, non vanno troppo al di là di tempi blues e soul, ma forniscono una base eccellente per un groove caldo e passionale, partendo dalle propulsive Funky Mama e Spaceman Twist, passando dal funky energico di Sow Belly Blues e dal blues nostalgico dello standard That’s All, per chiudere di nuovo sul funky soul di Nice ‘n’ Greasy.

Secondo la critica specializzata, The Natural Soul riesce a tenere elevati gli standard che Donaldson stabilì con la sua prima incursione soul jazz, nell’album Here ‘Tis, divenendo così uno dei suoi migliori dischi dello stesso genere.

Tracklist:
Tutte le composizioni sono di Donaldson, tranne dove indicato diversamente.

  1. Funky Mama (J. Patton) – 9:08
  2. Love Walked In (G. Gershwin, I. Gershwin) – 5:12
  3. Spaceman Twist – 5:38
  4. Sow Belly Blues – 10:13
  5. That’s All (A. Brandt, B. Haymes) – 5:36
  6. Nice ‘n’ Greasy (J. A. Acea) – 5:27
    Bonus track nella versione in CD:
  7. People Will Say We’re in Love (O. Hammerstein II, R. Rodgers) – 7:53

Musicisti:

  • Lou Donaldson – Sax alto
  • Tommy Turrentine – Tromba
  • Grant Green – Chitarra
  • Big John Patton – Organo
  • Ben Dixon – Batteria

Roy Ayers | Virgo Vibes

Molto prima che cominciasse a sperimentare con la musica pop e disco, Roy Ayers era considerato uno dei giovani vibrafonisti più promettenti della scena jazz. Virgo Vibes, secondo album firmato da bandleader, in generale considerato tra i suoi migliori lavori, sta a testimoniarlo anche dal punto di vista compositivo (quattro dei cinque pezzi presenti in scaletta, sei su sette nella versione in CD, sono originali scritti da Ayers e dai membri della band). Registrato nella doppia sessione del 18 gennaio e 6 marzo 1967, il disco fu distribuito dalla Atlantic in quello stesso anno.

I musicisti all’opera, 10 in tutto che si alternano sempre in sestetto, rappresentano un cast forte e variegato, arricchito da alcuni autentici nomi di spicco: sui primi tre brani suonano con Ayers anche Charles Tolliver alla tromba, Joe Henderson al sax tenore, il “misterioso” e sconosciuto Ronnie Clark al piano (si tratta di Herbie Hancock sotto falso nome, anche se mi sfuggono le motivazioni per le quali decise di suonare in incognito), Reggie Workman al contrabbasso e Bruno Carr alla batteria.
Per i successivi brani 4 e 5 (e sulle due bonus tracks presenti solo nella versione in CD), Ayers e Tolliver rimangono al loro posto, mentre gli altri vengono sostituiti da Harold Land al sax tenore, Jack Wilson al piano, Buster Williams al contrabbasso e Donald Bailey alla batteria.

Quella che si ascolta in Virgo Vibes è principalmente musica hard bop avanzata, costellata da venature pacate e nostalgiche (esemplare, in questo senso, i sereni temi di Virgo Blues). Si tratta insomma di un album che restituisce agli ascoltatori un Ayers all’apice della propria espressività musicale, prima che divenisse celebre come artista R&B.

Tracklist:
Tutte le composizioni sono di Ayers, tranne dove indicato diversamente. Le tracce dalla 4 alla 7 sono state registrate il 18 gennaio 1967 presso i Gold Star Studios di Los Angeles, mentre le prime tre il 6 marzo dello stesso anno a New York.

  1. The Ringer (C. Tolliver) – 7:36
  2. Ayerloom (R. Norman) – 5:19
  3. In the Limelight (G. Wilson) – 6:55
  4. Virgo Blues – 12:49
  5. Glow Flower – 7:48
    Bonus tracks nella versione in CD:
  6. Mine Royd – 5:08
  7. Number Seven – 7:45

Musicisti:

  • Roy Ayers – Vibrafono
  • Charles Tolliver – Tromba
  • Joe Henderson – Sax tenore (tracce 1-3)
  • Harold Land – Sax tenore (tracce 4-7)
  • Ronnie Clark – Piano (tracce 1-3)
  • Jack Wilson – Piano (tracce 4-7)
  • Reggie Workman – Contrabbasso (tracce 1-3)
  • Buster Williams – Contrabbasso (tracce 4-7)
  • Bruno Carr – Batteria (tracce 1-3)
  • Donald Bailey – Batteria (tracce 4-7)

Grant Green | I Want to Hold Your Hand

Registrato il 31 marzo del 1965, I Want to Hold Your Hand rappresenta l’unica incisione di Grant Green durante una lunga pausa di registrazione con la Blue Note durata qualche anno (precisamente tra His Majesty King Fun! per la Verve del ’65 e il suo ritorno all’etichetta con Carryin’ On del ’69, mentre di mezzo ci passa solo Iron City, nel ’67, per l’etichetta 32 Jazz).

Pubblicato poi nel 1966, l’album coglie il chitarrista in gran forma su sei blues costellati da sonorità R&B ed eseguiti in quintetto con l’organista modale Larry Young (questa è la terza di tre sessioni registrate con lui), Hank Mobley al sax tenore (assente su una delle tracce) e Elvin Jones alla batteria.
I Wanna Hold Your Hand continua l’esplorazione di uno stile più morbido e melodico iniziato sul precedente album, Street of Dreams, ma questa volta toni e temi sono meno riflessivi e più coinvolgenti, grazie anche a Mobley che qui prende il posto che nei precedenti lavori di Green era di Hutcherson, accompagnando il trio di base con calore sensuale e trasporto.


In scaletta sei brani, tra standard e ballate romantiche, tra cui la bellissima title track che riprende un celebre standard pop dei Beatles
, qui sapientemente adattato dall’elegante tocco di Green, e Corcovado, standard bossa nova di Antonio Carlos Jobim, sul quale è stato effettuato un altro ottimo trattamento. Sono invece canzoni popolari Speak Low, composta da Kurt Weill e Ogden Nash nel 1943 contro la guerra, Stella by Starlight di Victor Young, suonata prima di allora da Charlie Parker nel 1952 e da Miles Davis nel 1958, e la At Long Last Love di Cole Porter (1938), resa celebre dalle interpretazioni canore di Julie London e Frank Sinatra prima e Ella Fitzgerald poi. Infine, per This Could Be the Start of Something la band torna in trio (assente il sax di Mobley) e dà spazio a tutti e tre i musicisti per i relativi assolo.

I Want to Hold Your Hand mette sotto la luce dei riflettori sia l’interazione ritmica del gruppo sia le scelte armoniche dei singoli solisti, dove al trio classico di Green si aggiunge un fiato d’eccezione, quello di Mobley, producendo alcune delle più interessanti e sofisticate performance che l’accoppiata chitarra/organo possa ricordare.

Tracklist:

  1. I Want to Hold Your Hand (J. Lennon, P. McCartney) – 7:23
  2. Speak Low (O. Nash, K. Weill) – 7:14
  3. Stella by Starlight (N. Washington, V. Young) – 6:29
  4. Corcovado (Quiet Nights) (A. C. Jobim) – 5:59
  5. This Could Be the Start of Something (S. Allen) – 7:08
  6. At Long Last Love (C. Porter) – 7:17

Musicisti:

  • Grant Green – Chitarra
  • Hank Mobley – Sax tenore (eccetto traccia 5)
  • Larry Young – Organo
  • Elvin Jones – Batteria

Sonny Phillips | Sure ‘Nuff

sure 'nuff

Registrato nella sessione del 20 ottobre 1969, e pubblicato nello stesso anno dalla Prestige, Sure ‘Nuff è l’album che segna il debutto come leader dell’organista jazz Sonny Phillips. Questa sua piacevole prima prova da leader è interessante in quanto libera dai soliti ritmi funky fino a quel momento appannaggio quasi esclusivo (e distintivo) degli album di Jimmy Smith o Jack McDuff.

Nato nel 1936 a Mobile, in Alabama, un Phillips ancora giovane sceglie di essere guidato dalla “scuola” di Chicago e in particolare dalle dirette attenzioni del pianista Ahmad Jamal dal quale stile (come si sa, molto caratteristico) trarrà effettivamente ispirazione per i suoi fluenti e dinamici assolo. Percorso al quale donerà il giusto tributo proprio con Mobile to Chicago, quarto dei cinque brani in scaletta.
Ad accompagnarlo in questa sua prima avventura, una serie di musicisti quasi tutti suoi coetanei, forse meno noti al grande pubblico ma con tante espierienze variegate alle spalle:
Virgil Jones alla tromba, Houston Person al sax tenore, “Boogaloo” Joe Jones alla chitarra, Bob Bushnell al basso elettrico e Bernard Purdie alla batteria.

sonny phillips

Il tocco più leggero e meno blues di Phillips (cresciuto anche grazie alle sue interessanti collaborazioni nel decennio precedente con gente come Lou Donaldson o Gene Ammons), vuole quindi prendere distanza dalle cose soul jazz ascoltate fino a quel momento, cercando di rendere il proprio modo di suonare insolito e per certi versi più intrigante, tanto da essere più volte accostato, giustamente, ai primi pionieri del jazz rock.
E pezzi come Sure ‘Nuff, Sure ‘Nuff (che apre l’album dandogli il titolo), Be Yourself o The Other Blues sono ottimi testimoni di questa volontà, soprattutto grazie ad una notevole integrazione tra
i tipici back beats da musica rock, l’utilizzo del basso elettrico e una ritmica classica impostata prima di tutto dalla chitarra jazz.

Secondo la critica specializzata, Sure ‘Nuff è molto più interessante rispetto alla media degli album soul jazz rilasciati a partire dalla fine degli anni ’60.

Tracklist:
Tutte le composizioni sono di Phillips, tranne dove indicato diversamente.

  1. Sure ‘Nuff, Sure ‘Nuff – 6:50
  2. Be Yourself – 4:30
  3. Oleo (S. Rollins) – 7:40
  4. Mobile to Chicago – 7:25
  5. The Other Blues – 9:10

Musicisti:

  • Sonny Phillips – Organo
  • Virgil Jones – Tromba (tracce 1, 2 e 4)
  • Houston Person – Sax tenore
  • “Boogaloo” Joe Jones – Chitarra
  • Bob Bushnell – Basso elettrico
  • Bernard Purdie – Batteria

Horace Silver Quintet | The Cape Verdean Blues

the cape verdean blues

Registrato nella doppia sessione dell’1 e del 22 ottobre del 1965, The Cape Verdean Blues è un album del pianista jazz Horace Silver e del suo quintetto, pubblicato poi dalla Blue Note nel gennaio del 1966.
Oltre allo stesso Silver, il cast all’opera vede
Woody Shaw alla tromba, Joe Henderson al sax tenore, Bob Cranshaw al contrabbasso e Roger Humphries alla batteria. E si aggiunge anche, ma solo per la seconda metà dei brani, J.J. Johnson al trombone con il quale Silver era smanioso di suonare da tempo.

Dopo il successo di Song for My Father, Silver ricorda di nuovo suo padre nel titolo di quest’album (John Tavares Silva nacque proprio a Capo Verde, prima di emigrare negli Stati Uniti), cercando di omaggiare in parte anche le radici musicali di quei luoghi, arricchendo alcuni brani con un’esplorazione esotica che probabilmente non sarebbe stata possibile con il vecchio quintetto. In questo senso, su tutti (cinque su sei sono composizioni originali di Silver, mentre una è scritta da Henderson), va segnalata la cadenzata title track che apre l’album evocando da subito il sapore delle isole attraverso un mix di ritmi latini e di melodie calypso.

horace silver
In generale, rispetto alla media degli album di Silver,  qui le tracce sono più lunghe. Fattore che spinge ulteriormente i musicisti in un territorio più sperimentale del solito (soprattutto nel caso di Henderson), dove però il band leader gestisce comunque abilmente alcuni dei pezzi più impegnativi dell’intero disco, come nel caso della lunatica Bonita o nei complessi ritmi up-tempo di Nutville. Degni di nota anche The African Queen, ricca di potenza emotiva, e Pretty Eyes, che si fregia di essere il primo valzer originale composto da Silver.

In definitiva, secondo la critica, tra i dischi ricchi di sfumature e influenze della seconda metà degli anni ’60 di Silver, The Cape Verdean Blues è assolutamente da ascoltare.

Tracklist:
Tutte le composizioni sono di Silver, tranne dove indicato diversamente. I brani dall’1 al 3 sono stati registrati il primo ottobre 1965, dal 4 al 6 il 22 ottobre dello stesso anno.

  1. The Cape Verdean Blues – 4:59
  2. The African Queen – 9:36
  3. Pretty Eyes – 7:30
  4. Nutville – 7:15
  5. Bonita – 8:37
  6. Mo’ Joe (J. Henderson) – 5:46

Musicisti:

  • Horace Silver – Piano
  • Woody Shaw – Tromba
  • Joe Henderson – Sax tenore
  • J.J. Johnson – Trombone (tracce 4-6)
  • Bob Cranshaw – Contrabbasso
  • Roger Humphries – Batteria

Freddie Hubbard | Red Clay

red clay

Negli anni ’70, periodo foriero di sperimentazioni musicali e nuove correnti, il trombettista Freddie Hubbard registrò Red Clay, suo 17° album ufficiale in studio contraddistinto da una chiara matrice hard bop, ma profondamente influenzato dal soul e dal funk. Registrato nella tripla sessione del 27, 28 e 29 gennaio del 1970, fu poi pubblicato nello stesso anno dalla CTI (fu il primo sodalizio tra Hubbard e l’etichetta di proprietà di Creed Taylor) e segnò, musicalmente, il cammino che il trombettista avrebbe intrapreso per tutto quel decennio.

Altro punto degno di nota di Red Clay è che ad accompagnare Hubbard in questa sessione, sono autentici giganti del jazz come il sassofonista Joe Henderson, il pianista Herbie Hancock, il contrabbassista Ron Carter e il batterista Lenny White.
Tra le cinque composizione di Hubbard, brillanti melodie hard bop che si sposano a meraviglia con le prime sperimentazioni funky, spiccano in particolare la title track che apre il disco (ben 12 minuti di durata con un’apertura modale in 4/4 e un’affascinante parte da solista per il piano elettrico di Hancock, alternata alle meravigliose prestazione della coppia di fiati Hubbard/Henderson), Delphia, melodia blueseggiante che inizia come una lenta ballata per poi cambiare pelle, e The Intrepid Fox (il brano forse più apprezzato di tutto il disco), ispirato a certe partenze di Miles Davis e arricchito da cambi improvvisi radicati in un’architettura più bop.
Infine è da sottolineare che la rimasterizzazione in CD del disco è ulteriormente impreziosita dalla versione alternativa della title track (questa della durata di ben 18 minuti), registrata dal vivo il 19 luglio del 1971 durante il concerto presso il Southgate Palace di Los Angeles (cast all’opera diverso, qui, dove oltre a Hubbard alla tromba, troviamo
Stanley Turrentine al sax tenore, Johnny “Hammond” Smith al  piano elettrico, George Benson alla chitarra, Ron Carter al contrabbasso, Billy Cobham alla batteria e Airto Moreira alle percussioni).

freddie hubbard

Su AllMusic, il critico musicale Thom Jurek scrive:

“Questo disco è considerato uno dei momenti più belli di Freddie Hubbard come leader, in quanto rappresenta tutti i suoi punti di forza come compositore, solista e frontman. Su Red Clay, Hubbard combina un glorioso passato blueseggiante e bop con le innovazioni jazz fusion degli anni ’70. […] Questo è un classico, giù le mani.”

Tracklist:
Tutte le composizioni sono di Hubbard, tranne dove indicato diversamente.

  1. Red Clay – 12:11
  2. Delphia – 7:23
  3. Suite Sioux – 8:38
  4. The Intrepid Fox – 10:45
  5. Cold Turkey (J. Lennon) – 10:27
    Bonus track nella versione in CD:
  6. Red Clay [live] – 18:44

Musicisti:

  • Freddie Hubbard – Tromba
  • Joe Henderson – Sax tenore, flauto
  • Herbie Hancock – Piano elettrico, Organo
  • Ron Carter – Contrabbasso, Basso elettrico
  • Lenny White – Batteria

Traccia #6:

  • Freddie Hubbard – Tromba
  • Stanley Turrentine – Sax tenore
  • Johnny “Hammond” Smith – Organ, Piano elettrico
  • George Benson – Chitarra
  • Ron Carter – Contrabbasso
  • Billy Cobham – Batteria
  • Airto Moreira – Percussioni