Lou Donaldson | The Natural Soul

Registrato il 9 maggio del 1962, e pubblicato dalla Blue Note nello stesso anno, The Natural Soul è la seconda sessione che il sassofonista Lou Donaldson registrò in quintetto e in combo d’organo. Ad affiancarlo sul palco, formando un interessante quintetto, ci sono Tommy Turrentine alla tromba e il trio ufficiale del chitarrista Grant Green, con Big John Patton all’organo e Ben Dixon alla batteria (trio con organo tra i più diffusi di quel periodo che, a differenza di quello di Jimmy Smith, offriva un R&B meno virtuoso e più orecchiabile).

Il disco trova un Donaldson interessato a scavare in profondità tra le sfumature soul jazz, mettendo a punto una serie di registrazioni liriche dalle venature funky e con meno riferimenti hard bop di quanti ci si possa aspettare, dove lui e Turrentine suonano in modo rilassato, mentre il trio di Green tiene alti i toni anche grazie ad alcuni originali assolo individuali.
Le composizioni originali in scaletta, che formano la parte più saporita dell’album, non vanno troppo al di là di tempi blues e soul, ma forniscono una base eccellente per un groove caldo e passionale, partendo dalle propulsive Funky Mama e Spaceman Twist, passando dal funky energico di Sow Belly Blues e dal blues nostalgico dello standard That’s All, per chiudere di nuovo sul funky soul di Nice ‘n’ Greasy.

Secondo la critica specializzata, The Natural Soul riesce a tenere elevati gli standard che Donaldson stabilì con la sua prima incursione soul jazz, nell’album Here ‘Tis, divenendo così uno dei suoi migliori dischi dello stesso genere.

Tracklist:
Tutte le composizioni sono di Donaldson, tranne dove indicato diversamente.

  1. Funky Mama (J. Patton) – 9:08
  2. Love Walked In (G. Gershwin, I. Gershwin) – 5:12
  3. Spaceman Twist – 5:38
  4. Sow Belly Blues – 10:13
  5. That’s All (A. Brandt, B. Haymes) – 5:36
  6. Nice ‘n’ Greasy (J. A. Acea) – 5:27
    Bonus track nella versione in CD:
  7. People Will Say We’re in Love (O. Hammerstein II, R. Rodgers) – 7:53

Musicisti:

  • Lou Donaldson – Sax alto
  • Tommy Turrentine – Tromba
  • Grant Green – Chitarra
  • Big John Patton – Organo
  • Ben Dixon – Batteria

Sonny Clark | Leapin’ and Lopin’

leapin' and lopin'

Registrato nel 1961 e pubblicato l’anno successivo dalla Blue Note, Leapin’ and Lopin’ è un album di Sonny Clark che segnò la fine della sua carriera. Tra il ’61 e il ’62, infatti, Clark avrebbe inciso solo come sideman in collaborazione con Grant Green, Jackie McLean, Ike Quebec e Stanley Turrentine, prima della sua prematura dipartita nel gennaio ’63 (per un attacco cardiaco legato ai suoi problemi di tossicodipendenza).

Questo quinto disco è anche considerato come uno dei suoi migliori lavori e una registrazione definitiva anche rispetto al linguaggio attraverso il quale si esprimeva il jazz mainstream dell’epoca. Clark ha composto per l’occasione tre dei sei brani, tutti degni e magnifici rappresentanti della sua brillante originalità.

Melody for C è un brano allegro e  misurato, vivo nella costruzione melodica, tanto che per la rimasterizzazione in CD si decise di inserire una versione alternativa leggermente più lunga. Delight Zellmar, non incluso invece nell’LP originale, è contraddistinto dalla tromba di Tommy Turrentine che esegue una difficile melodia progressiva per niente convenzionale. Motivo per il quale forse era stato inizialmente escluso.

Tracklist:
Tutte le composizioni sono di Clark, tranne dove indicato diversamente.

  1. Somethin’ Special – 6:23
  2. Deep in a Dream (Van Heusen, DeLange) – 6:47
  3. Melody for C – 7:50
  4. Eric Walks (B. Warren) – 5:41
  5. Voodoo – 7:39
  6. Midnight Mambo (T. Turrentine) – 7:15
    Bonus tracks nella versione in CD:
  7. Zellmar’s Delight – 5:43
  8. Melody for C [Alternate Take] – 8:13

Musicisti:

  • Sonny Clark – Piano
  • Tommy Turrentine – Tromba
  • Charlie Rouse – Sax tenore
  • Ike Quebec – Sax tenore (solo brano 2)
  • Butch Warren – Basso
  • Billy Higgins – Batteria